Da molti anni noi cappellani del lavoro partecipiamo alle commemorazioni della Liberazione che si tengono nella nostra città. Le commemorazioni che hanno sede nei luoghi di lavoro hanno una connotazione irripetibile. Sono segnate da un raccoglimento, da una consapevolezza che le segna profondamente. Tra le tante ragioni per cui le realtà economiche ed industriali a Genova vanno migliorate, con investimenti atti a garantire la certezza del lavoro, c’è il fatto che in esse si conserva e tramanda un insieme di valori compresi e condivisi, senza i quali la nostra città sarebbe certo più povera ed arida.

Ricordiamo i caduti della lotta di Liberazione, ricordiamoli ai giovani, perché ciò che è avvenuto può sempre ripetersi qualora l’egoismo, il disprezzo degli altri, la prepotenza, l’arroganza e la crudeltà prendano il sopravento nell’animo umano.

C’è una preghiera che può aiutarci a vivere questo importane momento.

Cristo causa e modello di ogni martirio concedi luce e pace eterna a questi caduti che ricordiamo. Fa che viviamo in modo che la vita da loro offerta non sia stata offerta invano.
Rafforzaci nella speranza, donaci la saggezza e il coraggio per lavorare instancabilmente per un mondo in cui regnino pace e amore veri tra le nazioni e nel cuore di tutti. Amen.