Cappellani del lavoro di Genova2021-06-16T14:47:00+02:00

Inaugurazione anno sociale 2021 / 2022

Lunedì 20 settembre 2021, presso la sede dell’A.R.M.O., si è tenuta la riunione inaugurale dell’anno sociale 2021/22. È stato un momento di gioia per i cappellani il potersi incontrare in presenza e riprendere il cammino insieme. La riunione settimanale dei cappellani è stata istituita con la fondazione dell’A.R.M.O. come corso di studio e aggiornamento, a partire dal 1943, per offrire ai cappellani la possibilità di confrontarsi sulle problematiche del lavoro e della loro missione pastorale.
In occasione dell’inaugurazione dell’anno, tradizionalmente vengono formulate alcune valutazioni circa le attività di servizio quotidiano a favore delle aziende e a supporto della stabilità dei posti  di lavoro.  I cappellani, nonostante le difficoltà, hanno dato prova di grande generosità nel mantenere la vicinanza ai lavoratori loro affidati e di questo dobbiamo ringraziarli.
L’incontro è stata anche l’occasione per dare il benvenuto ad un nuovo cappellano: il diacono don Stefano Macchiavelli che  S. E. l’Arcivescovo ha destinato alla nostra pastorale e di cui gli siamo molto grati. 

Radura della memoria: 03 settembre 2021

Dopo la pausa estiva è ripresa l’attività dei Cappellani del lavoro. Venerdì 03 settembre, presso la Radura della memoria sotto il ponte San Giorgio, si è svolta la cerimonia di scopertura delle targhe a ricordo di Bruno Casagrande e Mirko Vicini dipendenti AMIU e di Alessandro Campora dipendente ASTER, deceduti il 14 agosto 2018 a seguito del crollo del ponte Morandi, durante lo svolgimento del loro lavoro.

Ha partecipato il Cappellano del lavoro delle aziende, don Gian Piero Carzino che, alla presenza del Sindaco, Dottor Marco Bucci e dei parenti della vittime ha impartito la Santa benedizione.

Riportiamo di seguito il testo della toccante preghiera recitata dal Cappellano.

 

 

Dio di infinita misericordia,

che stringi in un unico abbraccio

tutte le anime redente dal sangue del tuo Figlio,

noi ci presentiamo davanti a te

con il dolore per il distacco dai nostri cari defunti Bruno, Mirko e Alessandro,

ma con la fede e la speranza

che il tuo Spirito ha acceso nei nostri cuori.

Accogli, o Signore, le preghiere e le opere

che umilmente ti offriamo,

perché le loro anime

contemplino la gloria del tuo volto.

Per Cristo nostro Signore. 

 

 

News

 

RICORDO DI MONSIGNOR MACCHIAVELLO
“Il fuoco nella semplicità”

Ogni anno i Cappellani del Lavoro celebrano la S. Messa in occasione dell’anniversario della morte di Monsignor Luigi Macchiavello (1925-1976), successore di Monsignor Aurelio Torrazza (1912-1975) alla guida dell’ O.N.A.R.M.O., dal 1969 fino alla morte avvenuta il 31 gennaio 1976.
Così lo ricorda Monsignor Molinari nel 2001, a venticinque anni dalla scomparsa: “Di Monsignor Macchiavello rimane la testimonianza di una fedele e quotidiana dedizione alla Pastorale del Lavoro, di un sincero ed illimitato spirito di collaborazione con il proprio Vescovo… Larga parte dello stile che caratterizza la Fondazione A.R.M.O. trae origine dalla paziente opera di Mons. Macchiavello. Tutto fece nel silenzio, nell’umiltà, nella quotidiana presenza accompagnando e servendo l’A.R.M.O. in passaggi difficilissimi per la sua sopravvivenza….[leggi di più]

PAOLO RETI
L’Ingegnere antifascista 

E’ nato a Fiume il 24 febbraio 1900.
Laureato in ingegneria ha lavorato alcuni in Inghilterra. Rientrato a Fiume per aiutare il padre nell’azienda di famiglia,entrò per la prima volta in contatto con il Partito Popolare e con la realtà politica e sociale del movimento cattolico. Fu per lui un’esperienza decisiva alla quale sarebbe rimasto fedele per tutta la vita. 
Nel 1933 è assunto ai Cantieri Riuniti dell’Adriatico, nel 1939 si trasferisce a Genova, all’Ansaldo di cui diventa Direttore. Con la caduta di Mussolini, dopo il 25 luglio 1943 stringe subito rapporti con il movimento antifascista adoperandosi per la rinascita della Democrazia Cristiana, ma nello stesso tempo partecipa alla nascita delle “Commissioni Interne” elette democraticamente per la prima volta dagli stessi lavoratori…..[leggi di più]

 

Torna in cima